Lione-Torino. La nomina di Elisabeth Borne potrebbe dare la svolta

Il tunnel della futura Lione-Torino potrebbe essere pronto nel 2030, ma senza che i treni francesi possano utilizzarlo. Questo è ancora il rischio che sta correndo la Francia, che ritarda di mese in mese la decisione sul tracciato definitivo del tunnel alpino di 57 Chilometri, anche se l’Italia ha già fatto la sua scelta. La recente nomina di un ex ministro dei Trasporti nella persona di Elisabeth Borne per sedere a Matignon potrebbe dare però la svolta tanto attesa a questo dossier. Il governo francese si era impegnato a decidere il tracciato definitivo del tunnel transfrontaliero Lione-Torino entro la fine del primo trimestre del 2022 come assicurato dall’ex ministro dei Trasporti,

Jean-Baptiste Djebbari, nel settembre 2021, siamo però arrivati alla fine anche del secondo trimestre, e non è stato ancora comunicato alcun percorso. Il valore del cantiere è stimato in circa 26 Miliardi di Euro, e questa indecisione dura oramai da anni. Per questo motivo gli enti locali e le imprese favorevoli al collegamento ferroviario tra Lione e Torino, sperano che la nomina di Elisabeth Borne a Primo Ministro sia finalmente un gesto verso la concretizzazione di una scelta definitiva.

Fonte La Tribune: Didier Bert

Il tunnel della futura Lione-Torino potrebbe essere pronto nel 2030, ma senza che i treni francesi possano utilizzarlo. Questo è ancora il rischio che sta correndo la Francia, che ritarda di mese in mese la decisione sul tracciato definitivo del tunnel alpino di 57 Chilometri, anche se l’Italia ha già fatto la sua scelta. La recente nomina di un ex ministro dei Trasporti nella persona di Elisabeth Borne per sedere a Matignon potrebbe dare però la svolta tanto attesa a questo dossier. Il governo francese si era impegnato a decidere il tracciato definitivo del tunnel transfrontaliero Lione-Torino entro la fine del primo trimestre del 2022 come assicurato dall’ex ministro dei Trasporti, Jean-Baptiste Djebbari, nel settembre 2021, siamo però arrivati alla fine anche del secondo trimestre, e non è stato ancora comunicato alcun percorso. Il valore del cantiere è stimato in circa 26 Miliardi di Euro, e questa indecisione dura oramai da anni. Per questo motivo gli enti locali e le imprese favorevoli al collegamento ferroviario tra Lione e Torino, sperano che la nomina di Elisabeth Borne a Primo Ministro sia finalmente un gesto verso la concretizzazione di una scelta definitiva.

Fonte La Tribune: Didier Bert