La Francia è il paese più attraente in Europa per gli investimenti stranieri

Il 2021 è stato un anno record con 1.607 nuovi progetti lanciati, registrando un aumento del 32% rispetto all’anno precedente. L’Italia ha contribuito a questo record con 96 nuovi progetti lanciati nel 2021, che hanno creato o mantenuto 1.830 posti di lavoro. Si tratta di un forte aumento di posti di lavoro (+61%) rispetto all’anno precedente. La Francia rappresenta il 44% del totale degli investimenti italiani all’estero, al primo posto, seguita da Gran Bretagna (11%) e Germania (10%). Le tre principali regioni francesi di destinazione degli investimenti italiani sono Ile-de-France (la regione di Parigi che ospita 1 progetto su 3), Auvergne-Rhône-Alpes (15%) e Provence-Alpes-Côte d’Azur (8%). Tra gli investimenti italiani lanciati in Francia nel 2021, i nuovi stabilimenti rappresentano il 47%, così come i progetti di estensione delle attività esistenti (47%). Le acquisizioni di aziende francesi, invece, rappresentano il 6% dei progetti.

Tra i 96 progetti di estensione realizzati nel 2021 ci sono cinque grandi multinazionali. Il Gruppo Chiesi, una delle prime 50 aziende farmaceutiche al mondo, ABK Group Industrie Ceramiche S.p.a. azienda storica nel settore dei rivestimenti ceramici ed uno dei leader mondiali del settore, il Gruppo Prysmian, leader mondiale nella produzione di cavi per l’energia e le telecomunicazioni, il Gruppo Dedalus, leader europeo e protagonista mondiale dell’e-health ed il Gruppo Alimentare Ferrero, che investirà 36 milioni di euro nella digitalizzazione e modernizzazione delle linee della sua fabbrica di Villers-Ecalles in Normandia.

Fonte: La Tribune

Il 2021 è stato un anno record con 1.607 nuovi progetti lanciati, registrando un aumento del 32% rispetto all’anno precedente. L’Italia ha contribuito a questo record con 96 nuovi progetti lanciati nel 2021, che hanno creato o mantenuto 1.830 posti di lavoro. Si tratta di un forte aumento di posti di lavoro (+61%) rispetto all’anno precedente. La Francia rappresenta il 44% del totale degli investimenti italiani all’estero, al primo posto, seguita da Gran Bretagna (11%) e Germania (10%). Le tre principali regioni francesi di destinazione degli investimenti italiani sono Ile-de-France (la regione di Parigi che ospita 1 progetto su 3), Auvergne-Rhône-Alpes (15%) e Provence-Alpes-Côte d’Azur (8%). Tra gli investimenti italiani lanciati in Francia nel 2021, i nuovi stabilimenti rappresentano il 47%, così come i progetti di estensione delle attività esistenti (47%). Le acquisizioni di aziende francesi, invece, rappresentano il 6% dei progetti. Tra i 96 progetti di estensione realizzati nel 2021 ci sono cinque grandi multinazionali. Il Gruppo Chiesi, una delle prime 50 aziende farmaceutiche al mondo, ABK Group Industrie Ceramiche S.p.a. azienda storica nel settore dei rivestimenti ceramici ed uno dei leader mondiali del settore, il Gruppo Prysmian, leader mondiale nella produzione di cavi per l’energia e le telecomunicazioni, il Gruppo Dedalus, leader europeo e protagonista mondiale dell’e-health ed il Gruppo Alimentare Ferrero, che investirà 36 milioni di euro nella digitalizzazione e modernizzazione delle linee della sua fabbrica di Villers-Ecalles in Normandia.

Fonte: La Tribune