Inaugurata a Fiumicino la nuova area d’imbarco A del Terminal 1 alla presenza del Presidente della Repubblica

E’ Operativa dal 19 maggio la nuova area di imbarco A del Terminal 1 dell’aeroporto di Fiumicino, inaugurata alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Destinata ai voli Schengen e domestici, il primo volo da questo Molo è stato un Ita Airways con destinazione Milano Linate. L’opera si sviluppa su una superficie di 37mila mq su tre livelli, è costata 400 milioni di euro ed è “all’avanguardia per soluzioni innovative e di tutela ambientale”. Infatti è dotata di un impianto fotovoltaico, dispone di sistemi per il trattamento climatico tramite pannelli radianti a pavimento ed è illuminata prevalentemente da luce naturale grazie alle grandi vetrate posizionate sul soffitto, simili a veri e propri oblò.

Potrà ospitare presso lo scalo altri 6 milioni di passeggeri l’anno in partenza, grazie ai 23 nuovi gate, di cui 13 dotati di pontili per l’imbarco. Si compone di due grandi strutture, tra loro connesse mediante un corpo di collegamento lungo il quale sono esposte sette capolavori originali provenienti dal Parco archeologico di Ostia antica per promuovere la classicità romana e la conoscenza del valore storico-artistico del territorio. Questa nuova area d’imbarco A «fa parte di un più ampio programma che prevede investimenti di 10 miliardi di euro, di cui 2 miliardi già spesi, per sostenere la connettività internazionale del Paese», ha spiegato l’amministratore delegato di Aeroporti di Roma (Adr), Marco Troncone.

Fonte: Sole 24 Ore

E’ Operativa dal 19 maggio la nuova area di imbarco A del Terminal 1 dell’aeroporto di Fiumicino, inaugurata alla presenza del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Destinata ai voli Schengen e domestici, il primo volo da questo Molo è stato un Ita Airways con destinazione Milano Linate. L’opera si sviluppa su una superficie di 37mila mq su tre livelli, è costata 400 milioni di euro ed è “all’avanguardia per soluzioni innovative e di tutela ambientale”. Infatti è dotata di un impianto fotovoltaico, dispone di sistemi per il trattamento climatico tramite pannelli radianti a pavimento ed è illuminata prevalentemente da luce naturale grazie alle grandi vetrate posizionate sul soffitto, simili a veri e propri oblò. Potrà ospitare presso lo scalo altri 6 milioni di passeggeri l’anno in partenza, grazie ai 23 nuovi gate, di cui 13 dotati di pontili per l’imbarco. Si compone di due grandi strutture, tra loro connesse mediante un corpo di collegamento lungo il quale sono esposte sette capolavori originali provenienti dal Parco archeologico di Ostia antica per promuovere la classicità romana e la conoscenza del valore storico-artistico del territorio. Questa nuova area d’imbarco A «fa parte di un più ampio programma che prevede investimenti di 10 miliardi di euro, di cui 2 miliardi già spesi, per sostenere la connettività internazionale del Paese», ha spiegato l’amministratore delegato di Aeroporti di Roma (Adr), Marco Troncone.

Fonte: Sole 24 Ore