FNM per la mobilità ad Idrogeno

Rigenerazione urbana e ferroviaria, treni a idrogeno, car sharing a zero emissioni. La sostenibilità permea le strategie di Fnm, holding della mobilità lombarda, che impiegherà oltre un terzo degli investimenti previsti nel piano al 2025, circa 850 milioni di euro complessivi, in attività green incluse nella Tassonomia Europea. Una data importante è il 2024, anno in cui sarà realtà «il primo treno a idrogeno in Italia, sulla tratta Brescia-Iseo-Edolo – dice Andrea Gibelli – presidente di Fnm.

Il progetto fa parte di una terna di iniziative tra Italia, Francia e Germania per sostituire i treni diesel. I primi mezzi verranno messi in linea per le prove nella seconda metà del 2023, mentre è previsto che entrino in servizio nel 2024. Il nostro obiettivo è creare una “Hydrogen Valley”: il successo di questa operazione può fare da traino per tutti i settori energivori della Lombardia e rendere il territorio un’isola energetica».

Fonte: Corsera

Rigenerazione urbana e ferroviaria, treni a idrogeno, car sharing a zero emissioni. La sostenibilità permea le strategie di Fnm, holding della mobilità lombarda, che impiegherà oltre un terzo degli investimenti previsti nel piano al 2025, circa 850 milioni di euro complessivi, in attività green incluse nella Tassonomia Europea. Una data importante è il 2024, anno in cui sarà realtà «il primo treno a idrogeno in Italia, sulla tratta Brescia-Iseo-Edolo – dice Andrea Gibelli – presidente di Fnm. Il progetto fa parte di una terna di iniziative tra Italia, Francia e Germania per sostituire i treni diesel. I primi mezzi verranno messi in linea per le prove nella seconda metà del 2023, mentre è previsto che entrino in servizio nel 2024. Il nostro obiettivo è creare una “Hydrogen Valley”: il successo di questa operazione può fare da traino per tutti i settori energivori della Lombardia e rendere il territorio un’isola energetica».

Fonte: Corsera