Debutta a Roma l’Associazione dei Marchi Storici

A Roma, l’Associazione marchi storici d’Italia (Amsi, marchistorici.com) ha debuttato operativamente sul campo lanciando un accordo incentrato su formazione e digitalizzazione insieme con ICE, l’agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, e annunciando una piattaforma che riunirà, entro fine maggio, le proposte da presentare al governo per supportare lo sviluppo di quelle aziende tricolori con brand registrati da almeno 50 anni: “Sono circa 400 quelli iscritti al registro speciale creato nel 2019; eppure nella Penisola ne esistono 3 mila, secondo il censimento che stiamo compiendo”, ha dichiarato Massimo Caputi, Presidente dell’Associazione marchi storici d’Italia, e Presidente di Terme di Saturnia. Tra di loro infatti, e guardando solo agli otto soci fondatori dell’Associazione costituita l’anno scorso, si va da Antinori (vino) a Inghirami (moda), da Conserve Italia (in cui ci sono realtà come Cirio e Yoga) a Gabetti (immobiliare), da Ekaf (caffè) a Benetton, dalle Terme di Saturnia fino all’Amaro Lucano 1894.

Presto si aggiungerà Valfrutta, prossimo a festeggiare i suoi primi 50 anni. “I marchi storici – prosegue Caputi –  sono realtà che non solo hanno resistito nel tempo, per esempio ad acquisizioni da parte di gruppi esteri, ma soprattutto rappresentano attività che continuano a produrre in Italia”. All’estero, tra Spagna e Francia, sono già presenti associazioni analoghe ad Amsi ed anche in Italia Adi – Associazione per il disegno industriale, svolge un’attività simile.

Fonte Italia Oggi: Marco Capisani 

A Roma, l’Associazione marchi storici d’Italia (Amsi, marchistorici.com) ha debuttato operativamente sul campo lanciando un accordo incentrato su formazione e digitalizzazione insieme con ICE, l’agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, e annunciando una piattaforma che riunirà, entro fine maggio, le proposte da presentare al governo per supportare lo sviluppo di quelle aziende tricolori con brand registrati da almeno 50 anni: “Sono circa 400 quelli iscritti al registro speciale creato nel 2019; eppure nella Penisola ne esistono 3 mila, secondo il censimento che stiamo compiendo”, ha dichiarato Massimo Caputi, Presidente dell’Associazione marchi storici d’Italia, e Presidente di Terme di Saturnia. Tra di loro infatti, e guardando solo agli otto soci fondatori dell’Associazione costituita l’anno scorso, si va da Antinori (vino) a Inghirami (moda), da Conserve Italia (in cui ci sono realtà come Cirio e Yoga) a Gabetti (immobiliare), da Ekaf (caffè) a Benetton, dalle Terme di Saturnia fino all’Amaro Lucano 1894.  Presto si aggiungerà Valfrutta, prossimo a festeggiare i suoi primi 50 anni. “I marchi storici – prosegue Caputi –  sono realtà che non solo hanno resistito nel tempo, per esempio ad acquisizioni da parte di gruppi esteri, ma soprattutto rappresentano attività che continuano a produrre in Italia”. All’estero, tra Spagna e Francia, sono già presenti associazioni analoghe ad Amsi ed anche in Italia Adi (Associazione per il disegno industriale), svolge un’attività simile.

Fonte Italia Oggi: Marco Capisani