CDP, Closing da 60 Milioni di Euro per la transizione digitale delle PMI

Il corporate venture capital italiano (90 round nel 2021, più del doppio di quanto realizzato l’anno precedente) rafforza la sua potenza di fuoco con il varo del comparto Service Tech del Fondo corporate partners I di Cdp Ventures capital. Il comparto, uno dei quattro promossi dal fondo, ha siglato in questi giorni il primo closing da 60 milioni di euro, coinvolgendo nell’operazione partner come Bnl-Bnp Paribas e Gpi spa (quotata su Euronext e attiva nei sistemi informativi e servizi per la sanità e il sociale). A questi due iniziali investitori corporate dovrebbero aggiungersi altre adesioni di realtà provenienti da settori diversificati. Il comparto Service Tech si focalizzerà su startup o Pmi innovative in grado di offrire soluzioni perla transizione digitale delle aziende nell’ambito dei servizi, in particolare quelli di natura finanziaria e assicurativa o con esigenze innovative simili, come nel caso dei servizi sanitari.

Siamo felici di accogliere attori di rilievo come Bnl Bnp Paribas e Gpi all’interno del nostro fondo- spiega Enrico Resmini, amministratore delegato e direttore generale di Cdp Venture capital sgr. Investire nell’innovazione per le aziende oggi è fondamentale, serve ad anticipare i cambiamenti strutturali dell’industria in cui si opera e a rimanere competitivi. Lo abbiamo sperimentato negli ultimi anni, soprattutto nei servizi finanziari e assicurativi, in cui l’esigenza di garantire al cliente flessibilità e sicurezza è emersa in modo sempre maggiore. Gli altri tre comparti del fondo per i quali è aperta la raccolta sono Industry Tech (attivo da luglio 2021, con asset under management di 60 milioni di euro), Energy tech e Infra Tech (quest’ ultimo specializzato sui processi di progettazione, pianificazione, monitoraggio e gestione di cantieri e infrastrutture).

Fonte Sole 24 Ore: Matteo Meneghello

Il corporate venture capital italiano (90 round nel 2021, più del doppio di quanto realizzato l’anno precedente) rafforza la sua potenza di fuoco con il varo del comparto Service Tech del Fondo corporate partners I di Cdp Ventures capital. Il comparto, uno dei quattro promossi dal fondo, ha siglato in questi giorni il primo closing da 60 milioni di euro, coinvolgendo nell’operazione partner come Bnl-Bnp Paribas e Gpi spa (quotata su Euronext e attiva nei sistemi informativi e servizi per la sanità e il sociale). A questi due iniziali investitori corporate dovrebbero aggiungersi altre adesioni di realtà provenienti da settori diversificati. Il comparto Service Tech si focalizzerà su startup o Pmi innovative in grado di offrire soluzioni perla transizione digitale delle aziende nell’ambito dei servizi, in particolare quelli di natura finanziaria e assicurativa o con esigenze innovative simili, come nel caso dei servizi sanitari. «Siamo felici di accogliere attori di rilievo come Bnl Bnp Paribas e Gpi all’interno del nostro fondo- spiega Enrico Resmini, amministratore delegato e direttore generale di Cdp Venture capital sgr. Investire nell’innovazione per le aziende oggi è fondamentale, serve ad anticipare i cambiamenti strutturali dell’industria in cui si opera e a rimanere competitivi. Lo abbiamo sperimentato negli ultimi anni, soprattutto nei servizi finanziari e assicurativi, in cui l’esigenza di garantire al cliente flessibilità e sicurezza è emersa in modo sempre maggiore. Gli altri tre comparti del fondo per i quali è aperta la raccolta sono Industry Tech (attivo da luglio 2021, con asset under management di 60 milioni di euro), Energy tech e Infra Tech (quest’ ultimo specializzato sui processi di progettazione, pianificazione, monitoraggio e gestione di cantieri e infrastrutture).

Fonte Sole 24 Ore: Matteo Meneghello